Connect
To Top

Ecobonus 110 %, una svolta green nell’interesse di tutti

Una proposta shock per il settore edilizio.

Il Governo ha definito così il Superbonus del 110%, ad oggi tra le misure più attese per rilanciare l’occupazione nel mercato Green e consentire alle famiglie un’opportunità concreta di risparmio.

D’altronde l’obiettivo, confermato dalle parole del sottosegretario alla presidenza del Consiglio Riccardo Fraccaro, è proprio questo: “migliorare la qualità della vita all’interno dell’abitazione e la prestazione energetica degli edifici, con un beneficio anche sulle bollette. Vogliamo mettere un pannello solare sulle case di tutti gli italiani”.

Un’attenzione speciale è stata riservata proprio al settore fotovoltaico, che secondo uno studio pubblicato dall’Osservatorio FER e realizzato da ANIE Rinnovabili rappresenta un fiore all’occhiello del nostro Paese: nel primo trimestre del 2020, il comparto ha fatto registrare un incremento del 9% rispetto allo scorso anno.

Numeri importanti che riguardano quasi 900mila impianti installati su tutto il territorio italiano e con previsioni di crescita straordinarie.

L’associazione SolarPower Europe indica nel suo report Global Market Outlook il quadriennio 2020-2024 come quello che porterà alla definitiva consacrazione dell’energia solare su scala globale e in particolar modo in Italia, grazie alle nuove politiche di stimolo previste dal Governo.

Numerose stime come quelle di Solar Feeds indicano il nostro Paese come uno dei 10 mercati più interessanti al mondo per presenza e futuribilità del fotovoltaico, soprattutto grazie alla qualità di aziende che hanno saputo trovare soluzioni all’avanguardia e che vedono nel Superbonus del 110% uno strumento importante per continuare a correre.

Grazie a questa maxi-operazione persone fisiche, società, associazioni ed enti di varia natura potranno avvalersi della detrazione IRPEF o IRES al 110%, con una detrazione fiscale pari a 5 rate annuali dello stesso importo, per tutti i lavori di installazione realizzati tra il 1 luglio 2020 e il 31 dicembre 2021.

Uno strumento importante sotto vari aspetti, a cominciare da quello ecosostenibile che l’emergenza Covid-19 ha messo sotto la lente d’ingrandimento.

È dello stesso avviso anche l’imprenditore Daniele Iudicone, a capo del brand Fotovoltaico Semplice che tra i numerosi premi all’attivo per le qualità innovative e le commesse internazionali rappresenta una delle imprese più in vista del panorama fotovoltaico italiano.

Nemmeno il lockdown, con il blocco totale delle attività produttive non essenziali, ha fermato l’interesse del nostro Paese per l’energia solare”, spiega Iudicone, che durante la quarantena ha mantenuto un canale attivo con i consumatori per fornire consulenze online gratuite e valutazioni tecniche personalizzate.

Nonostante le difficoltà imposte dal periodo, abbiamo ricevuto un messaggio chiaro: le continue richieste che ci sono arrivate dimostrano come il connubio tra risparmio in bolletta ed energia pulita sia ormai una priorità per sempre più persone, oltre che una sfida per le imprese del settore”.

L’azienda romana ha infatti sviluppato un pacchetto, interamente finanziabile con il Superbonus, che prevede l’installazione di pannelli fotovoltaici abbinati a una pompa di calore progettata per riscaldare l’abitazione in modo non impattante anche durante i mesi dal clima più rigido.

Oltre al sistema Riscaldamento Costo Zero, quello di Fotovoltaico Semplice è un progetto a tutto tondo interamente compatibile con le comunità energetiche, vere e proprie reti di interscambio energetico tra privati già attive in molte parti d’Europa e ora auspicate anche in Italia dal Decreto Milleproroghe.

Tra abitazioni a emissioni zero e autosufficienza energetica, gli analisti intravedono nelle nuove modalità di fruizione uno squarcio di futuro.

Con Fotovoltaico Semplice – conclude Iudicone – stiamo portando avanti un lavoro caratterizzato da innovazione tecnologica e rispetto per l’ambiente, due fattori che insieme all’Ecobonus del 110% renderanno la svolta green una rivoluzione alla portata di tutti”.

 

 

 

 

More in Business & economics